Se avessi saputo
che non eri più tu

che nulla di vero c’era più

Se avessi saputo
che non ti avrei rivisto più

chè in fondo lo sapevo
che non eri sincero

Se solo avessi saputo
che in fondo lo sapevo

che si sta come a morire
a lasciar andare

senza smettere di amare

Ricordo era una mattina qualunque
fredda e austera

di messaggi scompigliati
e discorsi naufragati

Se solo avessi saputo
che in fondo lo sapevo

era il tuo il cuor leggero

CONDIVIDI

8 commenti

  1. Bella! È sempre una lotta fra fra l’Io e l’Es. L’Es sa, ma l’Io non vuole sapere, anche se in fondo, in fondo, sa! Ciao, Giulia.

  2. Non lo sapevi o non lo volevi sapere perchè intuivi che ti avrebbe fatto soffrire in modo insopportabile e che non lo avresti potuto evitare….il distacco definitivo….

    • Se solo avessi saputo che in fondo lo sapevo… Appunto… Ne ero consapevole, ma non volevo credere. La fiducia cresce nel tempo di anni, ma basta un attimo per distruggerla… Notte a te 🌸

  3. Scusami Giulia, è questa la poesia che mi ha incuriosito all’inizio o sbaglio? Come ho fatto a leggerla senza essermi iscritto? Boh non capisco, però mi adeguo…ciao

    • Non so se sia questa, ma sicuramente l’hai letta cliccando sul link all’interno di G+. Perché non essendo iscritto alla newsletter non ricevi la mail per gli articoli. Ciao!

  4. Sarà così però lo considero un lieto evento… Cominciavo ad annoiarmi di commentare i soliti post senza uno minimo di dialogo. Altra domanda: se commento quelli molto vecchi te ne accorgi?
    Buona notte, cara Giulia…ciao !

    • Ne sono felice… Sì, certo che me ne accorgo. I commenti, una volta inviati, mi vengono notificati tramite mail. Notte a te Cesare.❣️💤

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui