La cerimonia de “los Voladores de Papantla” risale al periodo preispanico: si tratta di una danza della fertilità eseguita da diversi gruppi etnici in Messico e America Centrale, in particolare i Totonachi nello stato orientale di Veracruz ed esprime il rispetto e l’armonia con il mondo naturale e spirituale.

Non è un esercizio d’equilibrio, come può sembrare a prima vista, bensì un rito antichissimo dai significati mistici, che l’Unesco ha inserito nella lista del Patrimonio dell’Umanità intangibile nel 2009.

Nel culto mesoamericano, comprendente quindi non solo la parte meridionale del Messico, ma anche lo stato del Guatemala, Belize, El Salvador, Costa Rica, Honduras e Nicaragua, la cerimonia riproduceva simbolicamente l’unione cosmica delle forze del cielo e della terra e i Voladores, uomini volanti, invocavano i quattro punti cardinali per attirare la pioggia e il sole: un invito alla prosperità della terra e della popolazione.

DANZA

Una danza cerimoniale che si è conservata nel tempo solo grazie ad una falsa interpretazione dei missionari spagnoli, che credevano si trattasse di un semplice gioco acrobatico e non di una commemorazione religiosa.

I Voladores sono cinque, vestiti di bianco e rosso, indossano un copricapo ornato da lunghi nastri colorati e si radunano al tramonto per iniziare un ballo con flauti di canna e tamburelli, intorno ad un palo di circa 35 metri di altezza.

voladores-de-papantla-5

Successivamente, gli uomini si arrampicano fino in cima, dove è presente una piattaforma girevole. 

Voladores--Mexico

004

Quattro di loro si legano una corda in vita e si lanciano nel vuoto allargando le braccia, simboleggiando il volo degli uccelli, mentre il quinto, el Caporal, resta seduto al centro di questo basamento e continuerà a suonare, facendo da contrappeso durante la discesa dei compagni.

006

Il rito riproduce il lento scorrere del tempo: i Voladores fanno le veci dei punti cardinali e dei quattro elementi (terra, acqua, fuoco e aria), che sono i pilastri su cui ruota la terra, invece “el Caporal”, che raffigura il sole, è il fondamento dell’amore, dell’armonia necessaria per mantenere in equilibrio l’universo.

voladores3

I Voladores volteggiano per tredici volte a testa in giù prima di atterrare e questo numero non è affatto casuale: tredici giri eseguiti da ognuno dei quattro danzatori corrispondono ad un totale di 52 rotazioni in cielo, esattamente le settimane dell’anno solare.

007

atterraggio2

Riferimento inequivocabile al Calendario Solare del popolo Maya e al Ciclo Secolare degli Aztechi.

Oggi è un inno alla spiritualità e al rispetto del patrimonio culturale e di identità di un popolo.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui