Elio Romano Erwitz, in arte Elliott Erwitt, nasce a Parigi il ventisei luglio del 1928, da una famiglia ebrea di origine russe.

Per circa dieci anni la sua patria è l’Italia, ma nel 1939, a causa delle forti pressioni fasciste, gli Erwitz si trasferiscono in America, a New York.

Elliott Erwitt © - New York 1948
Elliott Erwitt © – New York 1948

Due anni dopo si spostano a Los Angeles: Elliott frequenta la Hollywood High School e nel mentre lavora in un laboratorio di fotografia, occupandosi dello sviluppo di stampe del jet set e dello star system, debitamente firmate per i fan.

Elliott Erwitt © - Pittsburg - Pennsylvania 1950
Elliott Erwitt © – Pittsburg – Pennsylvania 1950

I suoi interessi giovanili sono gli stessi che porterà avanti per sempre: la fotografia e il cinema.

Elliott Erwitt © - Separate but equal - North Carolina 1950
Elliott Erwitt © – Separate but equal – North Carolina 1950

Intorno agli anni Cinquanta torna in Europa, viaggiando soprattutto in Francia ed Italia: è in questo periodo che parte la sua carriera di fotografo professionista.

Curioso di indole, determinato, attento ai più piccoli particolari, in quelle che sono delle istantanee che colgono il lato reale e ironico della vita.

Di ritorno a New York arriva l’occasione di crescita professionale: conosce personaggi famosi del calibro di Edward Steichen e Robert Capa, i quali, amando così tanto le sue foto, lo guidano e consigliano al meglio per una buona riuscita lavorativa.

Elliot Ewitt © - New York 1953
Elliot Ewitt © – New York 1953

Nel 1953 lo stesso Capa, socio fondatore della storica agenzia Magnum Photos, nata nel secondo dopoguerra da un gruppo di fotografi, fra cui anche Henri Cartier-Bresson, lo invita a partecipare come membro. Erwitt accetta e ne diverrà addirittura presidente nel 1968: ha inizio la sua ascesa al successo.

Elliott Erwitt © - Wyoming 1954
Elliott Erwitt © – Wyoming 1954

Collabora con riviste prestigiose, quali Look, Holiday e Life: intraprende numerosi progetti fotografici in tutto il mondo e i suoi capolavori pubblicitari e documentari acquistano notorietà.

Elliott Erwitt © - Colorado 1955
Elliott Erwitt © – Colorado 1955

Elliot diviene celebre per i suoi scatti in bianco e nero inconsueti, situazioni quotidiane divertenti e al contempo tragiche: Jacqueline Kennedy, Marilyn Monroe, Che Guevara, sono solo alcune delle tante celebrità su cui Erwitt posa il suo obiettivo, così come sulle persone comuni, uomini, donne e soprattutto bambini, sempre con riguardo ed empatia.

Elliott Erwitt © - Engagement party of Grace Kelly - New York 1956
Elliott Erwitt © – Engagement party of Grace Kelly – New York 1956

“Uno dei risultati più importanti che puoi raggiungere è far ridere la gente”.

Tema ricorrente è quello degli animali ed in particolare i cani, suoi soggetti preferiti: una collezione straordinaria di immagini, nel tempo raccolte in ben quattro libri: “Son of Bitch” del 1974, “Dog Dogs” del 1998, “Woof”, che esce nel 2005 e “Elliott Erwitt’s Dogs” nel 2008.

Elliott Erwitt © - Holland 1973
Elliott Erwitt © – Holland 1973

“Abbaio ai cani. Ecco perchè il cagnolino, in una delle mie fotografie, è saltato. Una volta a Kyoto camminavo dietro ad una signora che portava a passeggio un cane dall’aspetto interessante. Solo per vedere cosa sarebbe successo, abbaiai. La signora tirò immediatamente un calcio al cane sconcertato: si vede che abbaiavamo allo stesso modo”.

Elliott Erwitt © - 1983
Elliott Erwitt © – 1983

Una produzione fotografica infinita, che rappresenta la libertà di espressione visiva, i contrasti sociali di un quotidiano che troppo spesso non recepiamo.

Elliott Erwitt © - Santa Cruz - California 1975
Elliott Erwitt © – Santa Cruz – California 1975

Gli anni Settanta e Ottanta sono caratterizzati da un profondo impegno nel ramo cinematografico, la sua seconda passione: Elliott produce film e lungometraggi, spot televisivi e documentari, perfino commedie satiriche, che si aggiudicheranno premi prestigiosi.

Elliott Erwitt © - Kyoto 1977
Elliott Erwitt © – Kyoto 1977

Successivamente c’è come un ritorno al passato, una finestra aperta che si apre sui primi anni di carriera: pubblica foto inedite in bianco e nero di bellezza sconcertante, classiche e perfette, dall’esposizione, alla luce e alla sua tanto amata inquadratura, che rapisce l’espressione unica e inconsapevole dell’allegria.

Elliott Erwitt © -  Herat - Afghanistan 1977
Elliott Erwitt © – Herat – Afghanistan 1977

Gli ultimi anni sono all’insegna della fotografia più innovativa, pur continuando le collaborazioni con riviste e clienti per pubblicità.

Elliott Erwitt © - New York 1977
Elliott Erwitt © – New York 1977

Instancabile e alla ricerca costante dell’istante da catturare Elliott Erwitt è il fotografo della commedia umana.

Elliott Erwitt ©
Elliott Erwitt ©

“Sono un fotografo dilettante, oltre ad essere un professionista, e penso che forse le mie foto amatoriali siano quelle migliori”.

Photos Gallery shooted at Bard – Forte di Bard – Valle d’Aosta – Exhibition “Elliot Erwitt. Retrospective”

CONDIVIDI

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui