Amo chi viaggia portandosi appresso l’anima e la mente, chi va oltre la linea di confine, chi supera gli ostacoli e non si pone alcun limite.

Amo chi si ferma a guardare l’orizzonte, ogni giorno con rinnovata passione, senza intravedere alcuna linea di divisione.

Amo chi non ha paura di esprimere ciò che sente, che sia gioia o sofferenza, fregandosene del giudizio di chi vive di sola apparenza…

Amo la verità nelle sue sfaccettature, pure quella che scotta, ché è meglio esser segnati da una cicatrice di vita che vivere in una perenne bugia.

Amo gli sguardi taciti, quelli pieni di significato, di occhi che s’incontrano in un istante, riconoscendosi in un vuoto da dividere a metà.

Amo chi affronta l’emozione con coraggio, chi ti sta vicino sempre, anche con un solo abbraccio, di quelli intensi, forti, che ti fanno sentire a casa…

Amo l’esplosione di colore del cuore, che si espande senza far rumore, creando spazi di pura condivisione.

Capire l’amore, una cosa semplice…

@Blogjuls

CONDIVIDI

6 commenti

  1. Il disegno murale è splendido ed emozionante nella sua semplicità.
    Le tue riflessioni su ciò che ami dicono ovviamente molto di te. Alcune le condivido appieno, altre mi sembrano un po’ troppo incentrate su se stessi, poco considerando che esiste pure il prossimo, che tu sembri considerare di vivere solo di apparenza se non condivide il tuo pensiero. Secondo me a tutto ciò che ci piacerebbe fare c’è un limite, che è il rispetto, la libertà e la sensibilità degli altri. L’anarchia, il vivere senza limiti e senza norme, porta solo alla dittatura del più forte e violento e alla schiavitu di tutti gli altri. Non è il mio ideale. Buona serata, Giulia.

    • Ciao Fabricio. Sono contenta ti piaccia il murales, per me ha un significato profondo, avendo scattato questa foto in un campo rifugiati…
      Le mie riflessioni non sono troppo incentrate su me stessa, io guardo sempre al prossimo e cerco di confrontarmi con gli altri, per quanto mi sia possibile, ogni santo giorno. Credo che la mia frase “Amo chi non ha paura di esprimere ciò che sente, che sia gioia o sofferenza, fregandosene del giudizio di chi vive di sola apparenza…” ti abbia tratto in inganno: non deve essere presa come una generalizzazione, anzi! Esistono però taluni che vivono di sola apparenza e proprio per questo io non me ne “preoccupo”, perchè lontani dal mio modo di essere, fermo restando che ognuno di noi è libero di vivere la propria vita come meglio crede, non sta di certo a me giudicare.
      Il rispetto e la sensibilità altrui è per me al primo posto. L’anarchia di chi vive senza limiti? Chi? Io parlo di chi con coraggio cerca di superare i suoi limiti, che possono essere paure, sconforto, esperienze negative… L’atteggiamento e la determinazione contribuiscono alla nostra evoluzione. Lungi da me alcun pensiero sul più forte, non è neppure il mio di ideale. Un abbraccio, Giulia.

  2. Si, quella frase mi ha tratto in inganno. Ce ne sono anche troppi che vivono di apparenza e mi fanno pena, vivono una vita fasulla e rendono fasullo tutto ciò che vivono. Il vero male che fanno costoro è il pessimo esempio che danno ai bimbi ed ai giovani, è un cancro che divora lentamente la società, che diventa sempre più individualista, poco solidale e soprattutto falsa, perché misurata appunto sulla apparenza.
    Capire l’amore una cosa semplice….mah…ho fatto fatica persino a capire il mio, di amore…ciao Giulia, buona notte.

    • Hai pienamente ragione quando dici che vivono una vita fasulla e di conseguenza rendono fasullo ciò che vivono, un pessimo esempio per le generazioni future…
      Anch’io ho fatto fatica a capire il mio di amore, ma inteso nella sua essenza è semplice, è purezza, dono, condivisione, presenza. Dovremmo imparare a non contestualizzare il sentimento, come fanno i bambini, che amano e gioiscono di un amore appunto “semplice”.
      Grazie come sempre e buona notte a te, Fabricio. Ciao

  3. I bimbi dovrebbero essere sempre il nostro riferimento, la loro totale fiducia e la mancanza di malizia. Poi però tocca a noi insegnare loro che non bisogna fidarsi di tutti e a difendersi dalla malizia dei malvagi. Che peccato. Comunque si, nell’amore ci vuole totale fiducia, stima e lealtà. Finché ci sono, allora è semplice…ciao, Giulia.

    • I bambini sono lo specchio dell’innocenza, ho imparato più da loro che dagli adulti.. Fabricio hai ragione, sono la nostra speranza per un futuro migliore e vanno preservati.
      Fiducia, lealtà e stima sono alla base di ogni rapporto vero, peccato solo in questo mondo ci sia ancora tanta superficialità e malvagità. Buona domenica.

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui