Ci siamo mai chiesti che cosa significhi davvero la guerra?

Io ricordo le mille storie che mi raccontavano i nonni da piccola: sacrifici e la terra che trema sotto i piedi, calce e detriti addosso, lo stomaco che parla di un vuoto incolmabile, un abisso profondo negli occhi e lacrime consumate nella paura di non arrivare a domani.

La guerra è privazione, sofferenza e mutilazione: ti spegne l’anima e ti annienta il corpo.

La guerra è irragionevole, pecca di presunzione, perché non fa distinzione.

Sembra sempre lontana, poco ci tocca se è dall’altra parte della barricata.

Ecco, credo che la guerra vada avanti mentre noi siamo distratti, fatti a pezzetti dagli inganni, e da quel sangue che tanto è degli altri.

La guerra è l’importanza che non diamo alla vita e alla libertà, un carro della morte carico di viltà.

Mi guardo intorno…

Qui la vita va avanti, di coraggio e dignità si nutrono gli afghani.

Della guerra e della vita, presto sul blog.

@Blogjuls in Afghanistan

CONDIVIDI

7 commenti

  1. La guerra ha due facce, chi la fomenta e chi la subisce. Per chi la subisce e reagisce, la guerra è, quasi sempre, l’importanza che dà alla vita, alla libertà, alla dignità. Di quali afgani parli? Dei talebani?

    • Certo, d’accordo con te sulle due facce della guerra… La mia frase “La guerra è l’importanza che non diamo alla vita e alla libertà, un carro della morte carico di viltà.” indica proprio chi la guerra la fomenta. Gli afghani non sono talebani, e i talebani sono in minima parte afghani, perché anche pachistani. Detto questo, è ovvio che occorra fare un distinguo: il popolo afghano, e parlo della maggioranza, disprezza i talebani, perché questi esseri non guardano in faccia nessuno… I primi a farne le spese sono proprio gli afghani, quelli che vivono nella loro terra, che vorrebbero la pace, e non l’estremismo, a cui piacerebbe poter uscire di casa tranquilli, senza saltare in aria…

    • Ci ho riflettuto ed hai ragione, andava sicuramente chiarito questo passaggio. I più distinguono a malapena… Grazie, come sempre, della tua presenza qui, è davvero un piacere.

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui