Un anno di dure prove, di lotta contro la superficialità, di carenze e cattiverie, bugie e falsità… Ma se tiro le somme il 2017 mi ha aperto di più gli occhi e fatto capire il mio posto nel mondo: scartando le apparenze tengo solo l’essenziale. Nulla ci appartiene, siam padroni di niente, se non delle nostre scelte, di cui è bene farsi carico sempre. E come si suol dire, “a bocce ferme si scopre chi ha vinto”, solo allora… Io ho fatto un ottimo gioco, soprattutto onesto e senza screziature, di taluni non posso certo dire lo stesso. Avanti tutta e Buon 2018, che sia pieno, ché di vuoti siamo ben stanchi.

336
2
CONDIVIDI

2 commenti

  1. “Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca ‘nce rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá…
    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…
    chi ha dato, ha dato, ha dato…
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    ….”
    Si ricomincia da capo…buon anno, Giulia!

    • Napule è mille culure, Napule è mille paure
      Napule è a voce de’ creature che saglie chianu chianu
      “E tu sai ca nun si sule” – Grazie per la tua presenza, buon anno, si ricomincia! 🥂

Lascia un commento

Per favore scrivi il tuo commento
Per favore scrivi il tuo nome qui